Andamenti mosaico:

 

La realizzazione di un mosaico non può escludere la conoscenza degli andamenti mosaico
Per andamenti si intende quindi il movimento dell’insieme delle tessere
Le tessere devono essere in armonia con il soggetto
Unitamente alla scelta dei materiali ed all’uso dei colori

Ogni periodo del mosaico ovviamente si differenzia negli andamenti
I mosaici romani sono differenti dai bizantini, gli stessi differenti dai moderni
I corretti andamenti mosaico sono fondamentali per esaltare la natura del mosaico

Gli andamenti mosaico hanno la stessa funzione che nell’affresco
Definire la ripartizione degli spazi e creare una guida durante l’esecuzione

Andamenti le varie fasi in sostanza partono dalla realizzazione:

1. Scelta del soggetto: bozzetto esistente o da realizzare

2. Preparazione del disegno: ingrandimento in scala 1:1 tramite stampa o matita
Diritto per la lavorazione diretta, speculare per la lavorazione a rovescio

3. Traccia degli andamenti: si procede alla semplificazione e schematizzazione delle figure
Impostazione dei fondi tracciando linee che indicano il movimento di insieme delle tessere

4. Sezionatura: i mosaici di medie e grandi dimensioni, sia diretti che a rovescio devono essere ridotti in sezioni
Le dimensioni saranno adeguate al trasporto ed alla ricomposizione dell’insieme in fase di posa in opera

5. Preparazione piani di posa: per procedere alla posa in opera di un mosaico sezionato
Si deve fare riferimento ad una mappatura dei vari fogli , numerati e riprodotti fedelmente in scala ridotta

6. Scelta dei materiali: siano essi naturali o artificiali devono rispondere alle esigenze del bozzetto
Devono altresì essere compatibili con le caratteristiche ambientali del sito di collocazione del mosaico( esterno o interno)
Si predispongono le varie gradazioni in ordine di chiaroscuro e si preparano le eventuali miscele per le zone di fondo

7. Lavorazione: si inizia la lavorazione in base alle caratteristiche del soggetto ed a quanto predisposto sopra
La lavorazione può essere a rovescio su carta, a doppia rivoltatura, diretta su supporti vari

8. Posa in opera: a lavorazione ultimata si procede alla posa in opera del mosaico
Su supporti provvisori o definitivi, a parete, soffitto o a pavimento
Riassemblando le varie sezioni numerate facendo uso di collanti adatti al tipo di collocazione

9. Lavaggio e levigatura: conclusa la posa si può, se ritenuto necessario, procedere al lavaggio del mosaico
Usare prodotti neutri(per materiali naturali) o acidi(per materiali artificiali).
Nel caso di mosaici pavimentali normalmente si procede alla levigatura per ottenere una superficie liscia e lucida

0 commenti

Invia un commento